Tasse e commissioni per i proprietari di immobili in Francia

Le fasi iniziali per l'acquisto di un immobile in Francia includono il pagamento di varie tasse e commissioni. Il notaio avrà cura di calcolare e addebitare tutte le tasse durante il procedimento d'acquisto, di conseguenza normalmente non si ha modo di considerarle singolarmente. L'ammontare complessivo di tasse e commissioni può raggiungere il 20% del costo dell'immobile, a seconda che l'agente venga pagato dall'acquirente o dal venditore.


  • Commissioni dell'agente, quando non vengono pagate dal proprietario: 5-8%
  • Droit de mutation (imposta di bollo), 5.8%
  • Spese notarili, calcolate secondo un criterio stabilito dalla legge: 2.5-5%
  • Tassa di registrazione del prestito (se utilizzate un mutuo francese per acquistare l'immobile) 1-3%

Il sito Notaires de France offre un utile strumento di calcolo per queste transazioni.

Esempi di tasse francesi

Immobile d'epoca situato a L'Isle sur la Sorgue, Vaucluse (Provenza) - cascina con 8 camere da letto ed un terreno di circa 3 ettari.

Scarica la nostra Guida gratuita per le proprietà Francese

Tutto quello che devi sapere su come acquistare un immobile in Francia come straniero.

Tasse permanenti

Possedere un immobile in Francia vi rende responsabili del pagamento di una o entrambe le tasse di proprietà locali: la taxe foncière e la taxe d'habitation. La prima viene pagata dal proprietario legale dell'immobile, mentre la seconda viene pagata dagli occupanti (nel caso di proprietà in affitto) o dal proprietario. Chiunque possieda/occupi l'immobile il primo gennaio dovrà pagare le tasse per quel determinato anno, anche se i contratti di vendita normalmente prevedono una spartizione delle tasse tra venditore e acquirente. (Chiedere al venditore di pagare le tasse può aiutare a ridurre il prezzo in alcuni casi, per esempio quando l'immobile è in vendita da molto tempo.)

Queste tasse vengono amministrate dai comuni (la più piccola unità amministrativa del governo francese) e si basano sul valore catastale dell'immobile. I valori sono stati recentemente maggiorato e l'ultimo aggiornamento dovrebbe essere completato nel 2018, di conseguenza, per evitare spiacevoli sorprese, gli acquirenti dovrebbero informarsi sull'adempimento di questi pagamenti. Le imposte vengono pagate rispettivamente a settembre/ottobre e ad agosto/settembre, ma normalmente è possibile dividere il pagamento in rate mensili.

Wealth taxTassa patrimoniale

(Solo per proprietà immobiliari)

I proprietari di immobili potrebbero essere soggetti al pagamento della tassa patrimoniale (Impôt de Solidarité sur la Fortune Immobilière). I non-residenti saranno tenuti a pagare tale imposta solo se i loro beni immobili situati in Francia, e unicamente in Francia, hanno un valore superiore a 1.3 milioni di euro; tuttavia, le spese d'acquisto, estensione o miglioramento dell'immobile vengono dedotte dall'importo. Ovviamente, per gli acquisti di entità maggiore è sempre meglio, in termini di tasse, utilizzare un mutuo.

I residenti in Francia dovranno pagare la tassa patrimoniale su qualsiasi immobile da loro posseduto, a prescindere dalla sua collocazione. Tuttavia, nel calcolo complessivo il valore della residenza principale viene ridotto del 30%. Vale la pena ricordare che la maggior parte degli individui che si trasferiscono in Francia può usufruire di un'esenzione dalla tassa patrimoniale per i primi cinque anni di residenza. Ricordate che l'ISF tiene conto anche delle partecipazioni azionarie in beni immobili, che possono rappresentare un problema per chi detiene partecipazioni in grandi aziende di famiglia, o per i business angels che possiedono azioni di compagnie proprietarie di immobili di una certa entità. Nonostante questo, i beni utilizzati per la vostra attività commerciale sono esclusi.

L'ISF viene pagato secondo una scala progressiva compresa tra lo 0.5% e l'1.5% dei beni totali.

French housesTassa sul reddito francese

I non residenti dovranno pagare la tassa sul reddito francese solo se l'immobile viene affittato e quindi se ricevono un reddito da affitto, sia a lungo che a breve termine, o tramite Airbnb. Esistono diversi regimi d'affitto con diverse regole in termini di tasse, e considerato il grande numero di modifiche apportate ai regolamenti, per scegliere il regime adeguato avrete bisogno del consiglio di un esperto. La dichiarazione dei redditi viene effettuata a maggio per l'anno finanziario precedente (da gennaio a dicembre), e dal 2019 qualsiasi dichiarazione verrà effettuata online.

Aspettatevi di pagare il 20% del vostro reddito. Tuttavia, se nel vostro paese di residenza vige un accordo sulla doppia imposizione con la Francia, allora questa tassa sarà compensata dalla tassazione locale, quindi non dovrete pagarla due volte.

Imposta sui redditi di capitale

Vendendo un immobile in Francia dovrete pagare anche la tassa sui redditi di capitale, sia che siate residenti o meno (si applicano comunque gli accordi sulla doppia imposizione), ammenochè l'immobile non rappresenti la vostra residenza principale, in tal caso sarete esentati dal pagamento. Così come le tasse, dovrete pagare i contributi sociali: in questo caso vi sono delle maggiorazioni sui guadagni più sostanziosi, pari ad un tasso del 40.5%. Nonostante ciò, esiste un sistema di agevolazioni che permette la riduzione delle tasse in base agli anni di possesso dell'immobile; dopo 22 anni la proprietà sarà completamente esente dalle tasse, e dopo 30 anni, anche dai contributi sociali.

Trova la tua casa in Francia