Come acquistare un immobile a Parigi

Le migliori aree in cui vivere

La Torre Eiffel, Montmartre, la Basilica del Sacro Cuore, insomma, Parigi è sempre Parigi! State pensando di acquistare un immobile a Parigi?

Allora la prima domanda che dovrete porvi sarà: dove dovrei acquistare?

Parigi è suddivisa in 20 arrondissement.

Ciascuno di essi possiede la sua propria atmosfera, spesso capace di catapultarvi improvvisamente altrove, come avviene nel tredicesimo arrondissement conosciuto come "Chinatown" in quanto ospita una grandissima comunità asiatica. Naturalmente, alcuni arrondissement sono più accessibili di altri.

Se siete in cerca di atmosfera, feste ed eventi sociali, considerate il quartiere di Marais (terzo arrondissement) o di Butte aux Cailles. (dodicesimo arrondissement). Questi distretti sono i preferiti dalle giovani coppie. Le famiglie, d'altra parte, preferiscono l'ottavo, il sedicesimo e il diciassettesimo arrondissement, in quanto offrono diverse scuole e parchi.

Gli arrondissement orientali (10°, 11°,12°, 19° e 20°) sono particolarmente apprezzati dagli studenti per la loro accessibilità e vitalità.
Gli arrondissement centrali (dal 1° al 9°) sono i più ricercati e quindi i più costosi.

Gli edifici più antichi di Parigi (inizio del XX secolo) si trovano negli arrondissement centrali, di conseguenza hanno un prezzo alto. Sono caratterizzati da un'architettura unica e riconosciuta in tutto il mondo. Curiosamente, i progetti edilizi più recenti sono stati avviati fuori Parigi (nella cosiddetta Parigi Intra-muros). Questi ultimi presentano dei sistemi di riscaldamento e isolamento termico ecologici e moderni che li rendono meno costosi, facendo di essi dei buoni investimenti a lungo termine.

Prezzo medio al metro quadro nei vari arrondissement parigini (terzo quadrimestre 2017):

Perché acquistare a Parigi?

La capitale francese è un polo economico di grande importanza sia per la Francia che per l'Europa intera.

Il PIL della regione dell'Île de France è il quinto più ricco al mondo, preceduto solo da Tokyo, dall'area metropolitana di New York, da Los Angeles e Osaka. Parigi può vantare una forza lavoro altamente specializzata, un vero e proprio oceano di talenti, soprattutto per quanto riguarda il settore accademico ed economico.

Parigi è inoltre un centro politico, amministrativo, economico, finanziario, culturale e accademico tra i più vitali in Europa. Possiede un mercato immobiliare in fiorente crescita: il 10% del suo territorio, oltre 900 ettari, è in via di sviluppo. La capitale offre i prezzi più competitivi per la costituzione di imprese tra tutte le città europee, comprese Londra e Francoforte, e offre una disponibilità immobiliare incredibilmente diversificata (costruzioni recenti, architettura haussmanniana, ecc.). Inoltre, la città possiede il secondo aeroporto civile più grande d’Europa nonché il più grande per il trasporto merci: il Parigi-Roissy. Trovandosi nel cuore dell'eurozona, l'economia della Île de France è particolarmente diversificata: sebbene i servizi destinati ai consumatori di fascia alta facciano da padroni, la regione rimane uno dei principali centri di ricerca e produzione d'Europa.

Parigi è sempre Parigi, e la sua influenza internazionale, sia economica che politica, non diminuirà mai. Fiumi di turisti continueranno ad affollare la capitale francese. Questo è già un motivo abbastanza buono per decidere di investire sul mercato immobiliare di Parigi.

Quando si pensa ad un appartamento parigino si tende ad immaginare soffitti e modanature haussmanniane. Purtroppo, spesso queste proprietà non sono insonorizzate, sono mal progettate (cucina piccola, lunghi corridoi, poco spazio di immagazzinamento) e troppo costose.

Gli appartamenti più grandi (con cinque stanze o più) si trovano per la maggior parte nell'ottavo e nel sedicesimo distretto, e pur trovandosi ad una notevole distanza dal centro, sono comunque costosi a causa della loro grande popolarità di cui godono questi quartieri tra le famiglie.

Uno dei fattori da considerare quando si acquista casa a Parigi è la distanza dal posto di lavoro. Il collegamento tramite trasporti pubblici è il criterio più importante. Per esempio, se lavorate a La Défense, dovreste privilegiare gli edifici che si trovano nei pressi della linea numero 1 della metro o della RER A.

Ciascun distretto di Parigi ha il suo carattere: ci sono quelli più "business-oriented" (Ternes, Rue Clerc, rue du Poteau, ecc.), quelli turistici (Torre Eiffel, Saint Michel, Montmartre, etc.), quelli più calmi (Auteuil, Invalides, ecc.), più verdi (Monceau, Buttes Chaumont, Luxembourg, ecc.), più vivaci (Quartier Latin, Bastille, République, Champs Elysées, ecc.), più bohemien (Canal Saint Martin, Marais, ecc.) e così via. Parigi è capace di accontentare tutti, a prescindere dallo stile di vita che si vuole condurre.

Suggerimenti per l'acquisto di una proprietà

Investire nel mercato immobiliare parigino comporta gli stessi passaggi richiesti dai mercati di altre città francesi:

1. Scegliete un'agenzia immobiliare affidabile (come FNAIM, SNPI, UNPI, ecc.).

2. Per ogni visita vi verrà fatto firmare un accordo, tramite il quale autorizzerete l'agenzia ad agire come intermediario nel caso scegliate di acquistare la proprietà, senza interagire direttamente con il venditore.

3. Nel caso la proprietà sia di vostro gradimento, dovrete firmare un contratto di vendita e pagare il 10% del valore totale dell'acquisto (deposito in garanzia) si consiglia di svolgere il tutto in presenza di un notaio.

A seguito della stipulazione del contratto, vi sarà un periodo d'attesa obbligatorio durante il quale il venditore non potrà vendere l'immobile a nessun'altro, ma l'acquirente potrà scegliere di cambiare idea senza perdere il suo deposito.

4. Una volta passati dieci giorni si potrà firmare il contratto di vendita finale. Successivamente, ci sarà un nuovo periodo d'attesa, questa volta di tre mesi: in questo lasso di tempo l'acquirente dovrà provvedere al finanziamento per l'acquisto.

Nel frattempo, il notaio verificherà i dati del venditore e i dettagli dell'immobile. La proprietà potrebbe essere situata in una zona soggetta a prelazione urbana. Ciò significa che l'amministrazione distrettuale possiede una maggiore priorità rispetto agli acquirenti privati e quindi avrà 2 mesi (in alcuni casi 3) di tempo per acquistare l'immobile per lo sviluppo di progetti pubblici. In questo caso, l'accordo di vendita non potrà concludersi sino alla fine di questo periodo.

  1. Infine, viene posta la firma sull'atto di vendita Nel caso non conosciate bene il francese, non esitate a chiedere assistenza ad un traduttore, in quanto incorrerete in diversi termini complicati e specifici del settore immobiliare.

Questa procedura può richiedere un discreto quantitativo di tempo: nel così nel frattempo avrete la possibilità di fugare ogni vostro dubbio. Una volta che il tutto vi sarà chiaro e le procedure saranno completate, potrete firmare e diventare ufficialmente proprietari dell'immobile. Vi verranno consegnate le chiavi e dovrete pagare l'importo restante assieme alle spese notarili.

Trova la tua casa in Francia