Guida pratica all'acquisto di una casa in Francia

Jim e Kate vogliono acquistare una casa per le vacanze in Francia. Ma la Francia è un paese grande, di conseguenza dovranno darsi da fare e restringere le loro ricerche.

Jim desidera estati soleggiate e senza piogge, sentieri di montagna e boschi nelle vicinanze, così come trovarsi a poca distanza da una città ragionevolmente grande, anche se entrambi vorrebbero acquistare un immobile in un villaggio o in una piccola cittadina.

Kate è una persona più pragmatica. Vorrebbe acquistare in una località dove gli immobili siano relativamente economici - escludendo così la Provenza - e dove ci sia una buona domanda turistica in modo da poter affittare la casa per compensare le spese.

La loro ricerca inizia con la consultazione di due mappe: la mappa dei prezzi degli immobili francesi sul sito dei Notaires de France e una mappa delle ore di sole su Meteo France. Fatto questo, notano che Limoges è la città più economica e che si trova sulla parte della seconda mappa in cui l'arancione inizia a diventare più rosso, indicando quindi una maggiore esposizione al sole.

Kate comincia così a cercare case nella zona di Limoges tramite siti di varie agenzie immobiliari. Nel frattempo, Jim decide di recarsi in biblioteca per prendere in prestito qualche libro sulla zona, in modo da passare il weekend a guardare foto di quest'ultima e restringere ancora di più la loro ricerca. Kate rimane immediatamente affascinata dalle foto del Plateau de Millevaches e dei suoi villaggi di granito, ma si accorge che molte delle case disponibili hanno bisogno di essere ristrutturate: non hanno intenzione di cimentarsi in un progetto di tale entità. Tuttavia, la buona notizia è che tutte le proprietà da loro esaminate sono molto accessibili. Kate dà un'occhiata ai prezzi degli affitti per le vacanze nella zona e fa un piccolo calcolo per capire quanto sarebbero in grado di ottenere affittando l'immobile per due mesi all'anno.

Scarica la nostra Guida gratuita per le proprietà Francese

Tutto quello che devi sapere su come acquistare un immobile in Francia come straniero.

Il processo di ricerca di una casa

A questo punto, la coppia è pronta a recarsi in Francia per visitare qualche immobile assieme ad un agente. In zona sono presenti diversi agenti che parlano inglese quindi decidono di affidarsi a quello che presenta il maggior numero di proprietà nell'area di interesse.

L'agente chiede loro se hanno pensato alle dimensioni della casa, così come del giardino: la coppia non l'ha fatto. Tuttavia, Jim fa notare che considerato che entrambi lavorano e non passeranno l'estate là, la manutenzione del giardino potrebbe rappresentare un problema. La coppia fa intendere di volere una casa che sia adatta per le vacanze. Inoltre, si interrogano sulla possibilità di cercare una casa un po' più lontano dall'aerea precedentemente designata.

Decidono di prendersi quattro giorni per esplorare di più la zona e assicurarsi che sia adatta a loro, così come per visitare altri immobili senza fretta. Kate porta con sé il suo tablet, in modo da fare qualche foto e prendere note durante le visite. Tre immobili al giorno sono abbastanza per questa zona rurale così remota!

Due delle case da loro visitate sono troppo vicine alla strada principale, mentre un'altra si trova in un villaggio abbastanza trasandato. Ma il terzo giorno, notano una possibilità interessante, accanto alla piazza principale di un piccolo villaggio. Ha bisogno di essere riarredata, ma per il resto sembra tutto in regola. La coppia ha ancora un giorno a disposizione per la ricerca della loro casa, ma Jim decide di fare subito un'offerta.

Il prezzo di offerta è inferiore del 10% rispetto a quello di partenza, e la proposta viene accettata. Ora inizia la parte burocratica. In primis, i due ricevono un resoconto che include il compromis de vente, che dovrà essere firmato e riconsegnato all'agente. A questo punto il ripensamento è ancora un'opzione valida e lo sarà per i dieci giorni successivi. In questa fase la coppia paga un deposito pari al 10%.

Kate è preparata su questo punto e fa in modo di ottenere una clause suspensive in modo che non siano obbligati a procedere con l'acquisto nel caso in cui non riuscissero ad ottenere un finanziamento. Inoltre, la coppia decide di inserire una clausola per l'esecuzione di un'indagine strutturale - non si tratta di un procedimento particolarmente diffuso in Francia, ma considerato che la casa risale a più di un secolo fa, i due vogliono essere sicuri che l'immobile duri almeno altri cento anni! Si affidano ad un ispettore inglese qualificato della RICS trasferitosi in Francia, nonostante possano contattare anche un architetto o un ingegnere francese.

I due ottengono una copia della diagnostique della casa, che evidenzia l'assenza di amianto, ma la presenza di vernici a base di piombo su alcuni infissi, nonostante ciò l'impianto elettrico è aggiornato e la fossa settica è in regola, quindi non dovranno sostenere costi aggiuntivi in questo senso. Tuttavia, non si tratta di un ispezione strutturale completa, per questo motivo la coppia decide di inserire una clause suspensive aggiuntiva ed assumere un costruttore locale per controllare ulteriormente l'immobile. Fortunatamente anche questa ispezione va a buon fine, non vi è traccia di tarli, smottamenti o altri problemi.

Trova la tua casa in Francia

Kate e Jim hanno già contratto un mutuo per la loro casa a Birmingham. Potrebbero acquistare l'immobile francese in contanti, ma rimarrebbero con una liquidità abbastanza scarsa, e inoltre, fa notare Kate, la rendita dagli affitti non sarebbe altrettanto vantaggiosa in termini fiscali. Potrebbero rifinanziare la loro proprietà in Inghilterra, ma ciò metterebbe a rischio la loro prima casa, mentre contraendo un mutuo francese ciò non accadrebbe. Oltretutto, il tasso di interesse sulla loro prima casa è molto conveniente e rifinanziandola otterrebbero un tasso peggiore.

Per queste ragioni, decidono di accendere un mutuo francese e ingaggiano un intermediatore per identificare l'offerta migliore. L'agente ipotecario li informa che, finché non avranno acquistato ufficialmente l'immobile, otterranno solo un certificato di pre-approvazione del mutuo e non un'offerta completa, quest'ultima verrà rilasciata dalla banca una volta firmato l'acte de vente. La coppia rimane piacevolmente sorpresa nello scoprire che i tassi di interesse dei mutui francesi sono molto più bassi di quelli inglese e sono fissi per 25 anni. Tuttavia, non tutte le banche francesi sono disposte a prestare una cifra così bassa, quindi l'agente dovrà passarne in rassegna diverse.

A questo punto la coppia può dirsi felice di due cose. La prima è che l'agente li abbia informati sulle spese aggiuntive relative all'acquisto: quella che pensavano fosse una casa da 40.000 € in realtà ha un costo complessivo (includendo spese notarili e del mutuo) di 46.000 €. Mentre la seconda è di aver pensato in anticipo di fare svariate fotocopie dei loro passaporti, certificati di nascita, buste paghe e prove di residenza, in quanto vengono richieste con molta frequenza. "That's France" dice loro l'agente - "paperasse!" (Traduzione: scartoffie.)


Quattro mesi dopo, vengono convocati per firmare l'atto di vendita in presenza del notaio. Poco prima di firmare, con loro grande sorpresa, gli viene chiesto di visitare nuovamente la casa assieme al venditore per controllare che tutto sia in ordine. Infatti, non è strano che quest’ultimo decida di portarsi via la cucina componibile all'ultimo momento. Per fortuna non è questo il caso, quindi i due si dirigono verso l'ufficio del notaio dove il contratto viene letto per intero dallo stesso e dove la coppia firma ciascuna delle sue quarantadue pagine.

Una volta fatto questo, Kate a Jim ricevono le chiavi e l'attestation de propriété, che sarà utile sia per fare i conti con la burocrazia francese che per il loro prossimo compito: l'apertura di un conto bancario francese!