Contratto di vendita in Francia

Clausole di sospensione

La procedura d'acquisto di un immobile in Francia ha inizio con il compromis de vente. Questo documento attesta l'impegno del proprietario a vendere l'immobile, ma l'acquirente può usufruire di un periodo d'attesa di dieci giorni durante il quale ha il diritto di cambiare idea. La firma del compromis è solitamente accompagnata da un deposito che ammonta al 10% del valore della proprietà e viene pagato al notaio o all'agenzia immobiliare, non al venditore.

Il compromis può includere delle clauses suspensives (clausole di sospensione), cioè delle condizioni di annullamento del contratto. Molti acquirenti inseriscono come condizione l'ottenimento di un mutuo, in modo che possano tirarsi indietro dall'acquisto senza perdere il proprio deposito, nel caso non riescano ad ottenere un finanziamento. Altre condizioni comuni includono il completamento di determinati lavori (come la rimozione di amianto), o la garanzia di poter portare avanti progetti di rinnovamento o estensione dell'immobile.

Nonostante in Francia non si usi effettuare una perizia dell'edificio, come accade nel Regno Unito, gli immobili più vecchi richiedono una diagnostique che specifichi la presenza di qualsiasi vernice al piombo oppure di amianto e che certifichi la sicurezza dell'impianto elettrico così come l'integrità dello scarico fognario (se la proprietà non si trova sulle condutture principali) e la classe energetica dell'abitazione. Una perizia può comunque essere richiesta, così come inserita come clause suspensive all'interno del compromis, se necessario.

Normalmente trascorrono due-tre mesi dalla firma del compromis al contratto finale (acte de vente o acte authentique). Il compromis indicherà la data dell'acte, anche se quest'ultima può essere rinviata in comune accordo o per una ragione ufficiale, come per esempio diritti di prelazione esercitati da un ente ufficiale.

Scarica la nostra Guida gratuita per le proprietà Francese

Tutto quello che devi sapere su come acquistare un immobile in Francia come straniero.

Firmare l'atto di trasferimento in persona

In Francia, l'atto di trasferimento di proprietà immobiliare viene solitamente firmato in presenza sia del venditore che dell'acquirente nell'ufficio del notaio, anche se, in caso di impossibilità di presenziare da una delle due parti, è possibile utilizzare una delega. Inoltre, è abbastanza frequente che l'immobile venga visitato assieme al venditore subito prima della firma del contratto, in quanto la proprietà viene venduta "così com'era al momento della firma", assicuratevi che non manchi nulla di quello che vi sareste aspettati di trovare, o viceversa.

Il notaio calcolerà l'imposta sulle plusvalenze immobiliari a carico del venditore e i costi di transazione a carico dell'acquirente. Questi costi verranno confermati successivamente e alcuni acquirenti saranno abbastanza fortunati da ricevere un piccolo rimborso una volta conclusi gli atti definitivi qualche mese più tardi.

Trova casa nelle più grandi città francesi