Quanto costa andare in pensione in Francia

Prepararsi al pensionamento in Francia

Alcune persone decidono di spendere la propria pensione all'estero, in modo che possa valere molto, molto di più rispetto che nel proprio paese d'origine. Ad esempio, in Thailandia o in Ecuador potreste vivere da re con una pensione da insegnante, oppure in Portogallo potreste cavarvela alla grande con una pensione tutto sommato modesta. Vivere in Francia, invece, non è proprio super economico: infatti, si tratta di un paese sviluppato con un tenore di vita alto. Lo stile di vita è eccezionale, ma vi costerà.

Numbeo (una grande risorsa per la comparazione di prezzi tra paesi differenti) indica che una sola persona a Parigi ha bisogno di circa 900 euro al mese per vivere, escluso il costo dell'affitto. Si tratta della stessa cifra necessaria per vivere a Londra, quasi il doppio del costo della vita a Lisbona. Tuttavia, spostandovi dalla capitale e orientandovi verso le città di provincia, troverete dei costi molto più accessibili, mentre nei paesi più piccoli i costi sono ancora più bassi.

Numbeo conferma che vivere a Montpellier - una città dalla grande popolazione universitaria e un fiorente settore tecnologico - costa 754 euro al mese, mentre a Marsiglia il costo è addirittura di 655 € al mese. Si tratta di circa 7.000 £ all'anno.


Le cifre riportate da Numbeo non includono uno dei costi maggiori, cioè quello degli immobili. Come visto sopra, le città più grandi come Parigi, Nizza e Bordeaux presentano prezzi alti, ma questi non sono rappresentativi dell'intero paese. Se cercate un casolare seminterrato a meno di 50.000, o una villa da mantenere con una pensione di media entità, vi consigliamo di dirigervi verso Berry (Indre), Limousin (Creuse, Correze, Haute-Vienne), in Bretagna (Cotes d'Armor, Finisterre) o nel Maine (Mayenne e Sarthe). Dovrete tenere conto delle tasse locali (che variano significativamente di regione in regione): di solito sono più elevate nelle città rispetto che nei paesi; coloro i quali ricevono una pensione di piccola entità possono ottenere delle riduzioni, e secondo recenti modifiche ai regolamenti l'80% delle famiglie è esente dal pagamento della taxe d'habitation.

Abituarsi alla vita francese non significa esclusivamente adeguarsi ai costi in generale: anche il bilanciamento di questi ultimi è molto diverso. Ad esempio, le bevande alcoliche sono molto meno costose rispetto all'Inghilterra (e si possono trovare delle ottime birre al supermercato, se non siete degli amanti del vino), mentre i materiali per il fai-da-te sono molto più costosi. Un vino economico costa meno di due euro a bottiglia, mentre con 6 € potrete acquistarne uno abbastanza buono, soprattutto sfruttando le offerte speciali foire aux vins dei supermercati nei mesi di settembre e ottobre.

In ristorante, un menù da tre portate per due persone ha un prezzo medio di 46€, ma un repas de midi ouvrier (pranzo veloce per i lavoratori) o un menu fisso di una trattoria si aggirano intorno ai 9-12 € l'uno, e la qualità è spesso molto alta.

Nonostante il prezzo medio delle auto nuove sia simile a quello del resto d'Europa, quelle di seconda mano sono più costose in Francia (il mercato non è poi così grande e i francesi tendono a mantenere le proprie auto per lungo tempo); Alcuni inglesi acquistano auto con guida a sinistra nel Regno Unito per poi re-immatricolarle in Francia. Molte autostrade sono a pagamento, e altre lo diventeranno a breve, di conseguenza i viaggi lunghi possono diventare costosi, nonostante il carburante costi relativamente poco. A parte questo, i trasporti pubblici sono abbastanza economici e la SNCF offre diversi sconti tramite la "Carte Senior".

Scarica la nostra Guida gratuita per le proprietà Francese

Tutto quello che devi sapere su come acquistare un immobile in Francia come straniero.

Sistema sanitario francese

Anche la sanità avrà il suo prezzo, anche se i cittadini europei pensionati avranno accesso gratuito al sistema statale una volta raggiunta l'età pensionabile nel loro paese d'origine (in caso di prepensionamento o se non siete cittadini europei, dovrete pagare un contributo alla PUMA). Ciascuna nazione ha una sua procedura per l'ottenimento di tali agevolazioni: ad esempio i cittadini inglesi dovranno utilizzare il modello S1 per accedere al sistema francese (non è ancora chiaro se ciò sarà valido anche dopo la Brexit). Il sistema vi rimborserà il 70-80% delle spese mediche (100% in caso di patologie croniche e a lungo termine, come artrite reumatoide, diabete, diverse patologie cardiache e mentali a lungo termine); per il resto dei costi potrete affidarvi ad una mutuelle. Potrete ridurre i costi della mutuelle cercando una polizza che includa solo i ricoveri in ospedale, solitamente contraibile per meno di 100 euro al mese. La buona notizia è che le mutuelle, al momento del calcolo del costo, di solito non tengono conto delle patologie già in atto.

Tuttavia, tenete presente che la copertura della PUMA inizia solo dal momento in cui sarete residenti in Francia da tre mesi. Per i primi tre mesi di permanenza dovrete affidarvi ad un'assicurazione privata. La PUMA viene calcolata sull'8% del vostro reddito annuo netto, ma escludendo i primi 9611 €, di conseguenza risulta conveniente nel caso non abbiate grosse entrate.

Ovviamente si tratta di cifre medie e indicative. Solo voi conoscete le vostre spese esatte, e potreste spendere molto meno rispetto alla media oppure avere delle spese molto differenti. Una persona potrebbe decidere di spendere la sua pensione per assistere a dei concerti rock, mentre c'è chi preferisce dedicare il proprio tempo libero a curare il proprio giardino in Alta Vienne. Alcune persone hanno scoperto dei modi economici per sostenere i loro stili di vita: ad esempio una casa a Correze è stata completamente arredata con mobili acquistati al vides-greniers (mercatino dell'usato locale) e rifinita dal proprietario, mentre un architetto in pensione è riuscito ad acquistare frigo, piano cottura e microonde nuovi da una depot vente (casa d'aste) a un terzo di quanto avrebbe speso in un negozio.

Allo stesso tempo, si dice che un inglese con nostalgia di casa pagasse per fare arrivare il curry a Bordeaux direttamente dall'Inghilterra semplicemente "perché in Francia non si trova del buon curry". Se avete intenzione di farvi spedire il vostro pollo al curry preferito ogni settimana, allora potreste aver bisogno di molto più di 7.000 £ per vivere!